L'elicotterista pazzo

C’è un velivolo che sta mettendo a dura prova la sicurezza strategica degli Stati Uniti d’America, e la US Air Force sembra incapace di difendere lo spazio aereo americano. Questo velivolo è l’elicottero pilotato da Ben Bernanke, che sta bombardando l’economia USA con ogni tipo di strumento inflazionistico.

Su Giornalettismo – dopo una lunga assenza – ho pubblicato la più bella e approfondita analisi della crisi finanziaria che sia stata pubblicata finora. Questa è la prova della superiorità antropologica della Scuola Austriaca.

L’articolo è lungo e lo riassumo:

1. parlo di come la Fed può creare moral hazard
2. dimostro che il moral hazard della Fed è ciclico: prima boom, poi bust.
3. riassumo il funzionamento di tutte le facilities create dalla Fed per impedire ai mercati di rendersi conto della gravità della crisi
4. descrivo in quali condizioni la politica monetaria perde efficacia, dando fondamento microeconomico e teorico alla fuffa keynesiana sulla trappola della liquidità.

Rispetto alla teoria austriaca ortodossa manca solo una descrizione degli effetti strutturali dell’effetto Wicksell: l’articolo si concentra infatti sull’effetto della politica monetaria sul rischio, e non sul tasso di interesse originario.

L’elicotterista pazzo e la distruzione dell’economia americana

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

10 risposte a L'elicotterista pazzo

  1. Wellington ha detto:

    Anch’io voglio essere salvato. Non sono mica il figlio della serva.

  2. Libertarian ha detto:

    No, tu no. Ma perché? Perché no!

  3. Kaelidan ha detto:

    Bello l’articolo, complimenti! Ora per dimostrare la tua tesi sulla superiorità della scuola austriaca non ti resta che iniziare a confrontarti coi professori di Noisefromamerika in un deathmatch all’ultimo sangue 😉

  4. Libertarian ha detto:

    Ahah. Ci sto lavorando. Sto studiando un sacco di economia negli ultimi tempi. Infatti guardo i libri di filosofia politica e mi viene la lacrimuccia. 🙂

  5. Libertarian ha detto:

    A proposito di NFA, Boldrin sta sul sito del Mises Institute con un articolo sulla proprietà intellettuale.

  6. Kaelidan ha detto:

    E’ nella pila di articoli da leggere 🙂

    Per ora sto finendo “money bank credit and economic cycles” di Huerta de Soto 🙂

  7. Libertarian ha detto:

    Beh, è un mattone! Ne avrai per settimane!

    Poi dimmi cosa pensi della prima parte di diritto civile, che non ci avevo capito nulla!

  8. Kaelidan ha detto:

    Concetti abbastanza di base per chi ha studiato diritto, ma il libro li espone in maniera chiara e contestualizzata. Mi sembra strano che tu non ci abbia capito nulla, dato che i concetti che esponi e spieghi ogni giorno sul tuo blog sono molto più complicati O.o secondo me è questione di forma mentis diversa 😛

  9. Libertarian ha detto:

    Beh, io ho capito l’argomento di de Soto, ma non lo contestualizzo perché non so nulla di diritto. Ad esempio, se l’avesse inventato lui il concetto di deposito irregolare io non me ne accorgerei (poi esiste sul serio, ma come faccio a saperlo?).

    Io ho dubbi su cosa sono contratti stocastici, nulli, vuoti (void)… eccetera.

    Per esempio, se io ho un deposito di 1kg di farina e lo presto sperando che il depositante non lo ritiri, e dopo sei mesi ho 1.1kg di farina grazie al prestito (oppure fallisco perché il depositante ha chiesto 1kg di farina prima dellla scadenza del prestito) io ho un’evidente truffa, anche se passo gli interessi al depositante.

    Ma se invece dico chiaramente cosa farò, mi proteggo con un’opzione del tipo “tu puoi ritirare la farina quando vuoi, tranne in situazioni di crisi”, eccetera, non mi è altrettanto chiaro se ci sono problemi legali potenziali.

  10. Kaelidan ha detto:

    Nel secondo caso avresti sempre un contratto di deposito, ma l’accordo tra le parti circa le eccezioni mi sembra sufficiente a integrare la fattispecie legale, non essendo la disciplina del deposito inderogabile.

    In altre parole, le regole “standard” (cioè dettate dalla legge) del contratto di deposito (così come quelle della maggior parte dei contratti) valgono finché le parti si accordano diversamente.

    Nel caso di specie se entrambe le parti si accordano per ritardare la restituzione in caso succeda x, y o z non vedo problemi legali.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...