Linguaggi privati e uomini di paglia atomistici

Ho avuto una discussione su un argomento incomprensibile di cui avevo sentito parlare mesi fa (su Appiah, "Quell’x tale che…", un’introduzione alla filosofia contemporanea), ma di cui non avevo capito proprio nulla.

Pare che sia una critica dell’individualismo, ma a me pare solo una critica dell’atomismo (confondere i due è un esempio di atomistic strawman fallacy). L’argomento è quello di Wittgenstein sul linguaggio privato, e mi pare di aver capito che suona come: "non posso avere un concetto che è soltanto mio e di nessun altro (esiste solo nella mia testa) perché nessuno sarebbe in grado di capirlo".

La cosa è andata avanti fino ad arrivare al punto che se domani vado in un’isola disabitata della Micronesia e dopodomani muoiono tutti tranne me, io smetto automaticamente di pensare, perché non è il mio cervello che pensa.

Mi sembra che la parte accettabile del ragionamento sia che sia necessario affinchè due individui si parlino che i loro cervelli abbiano qualcosa in comune a livello cognitivo-linguistico. La cosa è ovvia, visto che non potrei interpretare parole, concetti e sensazioni senza un cervello in grado di avere simili esperienze interiori.

Mi sembra invece del tutto inverosimile che qualcos’altro oltre alla struttura del mio cervello sia responsabile dei miei pensieri, e che quindi la mia vita non cambierebbe per nulla nell’esempio della Micronesia, finché ovviamente non scopro di essere l’unico uomo al mondo e allora cerco di andare in Africa Centrale a trovare compagnia tra gli scimpanzé, tanto per non essere troppo misantropo, anzi misprimate.

L’individualismo non dice che ogni uomo è una monade senza porte né finestre perfettamente determinata e non influenzata dal mondo esterno o dalle relazioni con altri uomini, e neanche che l’evoluzione non ha dotato l’uomo di strumenti concettuali e strutture emotive comuni: anzi, Hayek (e un po’ anche Mises) hanno detto l’esatto contrario.

Non credo sia una coincidenza se non esistono scienze sociali non individualistiche: spiegare un evento sociale senza capire e interpretare il comportamento degli individui che lo compongono è come spiegare un fenomeno elettromagnetico senza riferimenti alle cariche elettriche.

La probabilità che non ho capito nulla dell’argomento di discussione è compresa da 0.5 e 1.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...