Liquid wishful thinking

Questo articolo mostra come la crisi finanziaria potrebbe essere una crisi di liquidità dove la reciproca cancellazione dei debiti e dei crediti potrebbe risolvere tutti i problemi semplicemente fornendo gli strumenti di pagamento necessari al settling delle reciproche posizioni finanziarie.

Ho scritto per mail perché trovo la cosa assurda. L’uso del termine "excess" anziché "excessive" è una licenza poetica che serve a creare ritmo nella frase.

A parte ciò, l’idea che la velocità di circolazione possa avere gli stessi effetti di un aumento della quantità di moneta è un problema fondamentale della teoria austriaca in quanto allo stato attuale c’è una divisione tra gli stockisti (coloro che credono che conti solo l’offerta di moneta) e i flowisti (coloro che credono che conti sia l’offerta di moneta che la sua velocità di circolazione, il cui prodotto è il flusso di servizi monetari), e secondo me nessuno ha gli strumenti concettuali necessari a dirimere la questione once and for all: è un problema aperto sul piano teorico.

That article suggests that the present financial crisis is merely a liquidity crisis without solvency issues, in which reciprocal clearing of symmetrical and macroeconomically balanced credit/debit positions of everybody to anybody else may solve the crisis without real effects.

That may be a story in which clearing is not possible and an additional injection of money helps solve some sort of a coordination failure in which people don’t understand that the supposed crisis is only a matter of liquidity.

As a consequence, there’s no excess capacity in building, no excess consumption, no excess reliance on debt, no excess leverage, no excess maturity mismatch, no excess capacity in financial and banking markets, no excess risk taking.

A related assumption is that the interbank market chaos wasn’t due to uncertainty about the financial positions of all the participants and about the quality of structured assets, but only due to a reciprocal settling problem in which all the assets were perfectly sound if only all market partecipants knew it and acted accordingly.

I think that to see the crisis as a liquidity problem instead of a solvency problem is wrong. Surely it isn’t consistent with Austrian economics. And surely it’s falsified by the fact that massive liquidity injection hasn’t had that effect.

PS I think I saw the same example on Proff Foss and Klein’s blog months ago.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in economia - articoli, economia austriaca. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...