Alto giornalismo

A pranzo il TG5 rivela che lo tsunami del 2004 colpì la Nigeria.

La notizia viene confermata dal TG4 della sera.

Successivamente, il TG2 ripete la notizia.

Considerando che la Nigeria dà sull’Atlantico, non si capisce da dove provenga questa informazione assurda. Colpo di rimbalzo? Cambiamenti improvvisi dei confini politici? L’onda ha scavalcato Somalia, Etiopia, Sudan e Ciad (ok, il Ciad l’ho controllato sulla mappa, non ricordavo dov’era) e ha colpito la Nigeria?

No, molto semplicemente, all’ANSA hanno esagerato con l’alcool, e i telegiornalisti italiani non si sono resi conto dell’assurdità.

Qui, infatti, si legge:

Il terremoto genera infatti un maremoto che a sua volta da’ luogo a un’onda anomala (tsunami, in giapponese), che viaggia accumulando una potenza sempre maggiore fino ad abbattersi con le dimensioni di un muro d’acqua alto come un palazzo di tre piani sulle coste dello Sri Lanka prima, poi su quelle di Thailandia, Indonesia, India, Maldive e Malaysia e perfino Somalia e Nigeria.

Miracolo!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Alto giornalismo

  1. Wellington ha detto:

    Forse l’onda era abbastanza alta da travolgere tutta l’Africa fino ad arrivare in Nigeria. All’Ansa devono aver visto troppi film di Roland Emmerich.

    Dovresti comunque vedere come è stata data la notizia delle incursioni israeliane a Gaza ed in Cisgiordania, ti dico solo yahoonews:

    "Israele uccide sei Palestinesi".

    Ora mi aspetto di vedere "La Palestina si fa esplodere in una strada affollata" e "Il Libano lancia razzi sul nord di Israele".

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...