Elezioni!

Ieri sono andato ad una cena di veglia elettorale. Il vino, la pizza e la compagnia erano buone. Il resto ovviamente una perdita di tempo.

Mi sono ricordato di un motto latino che potrebbe spiegare il tema dell’astensionismo, del nullismo e del bianchismo:

"Quotiens cum stercore certo, aut vincor, aut vinto, semper ego maculor"

Che suona, più o meno:

"ogni volta che combatto con lo sterco, sia che vinco sia che perdo, comunque mi macchio"

Penso che nessun sunto della scelta tra destra e sinistra sia più azzeccato.

Ieri alla veglia ho applicato un po’ di teoria del campionamento stratificato (teoria che non ho mai studiato) per dimostrare ad alcuni poveri presenti che la Polverini aveva vinto, circa all’80% dello spoglio, quando era in svantaggio.

Con numeri semplificati il ragionamento era:

  • A Roma ci sono il 75% delle sezioni del Lazio
  • Ogni sezione ha lo stesso numero di elettori
  • Le sezioni rimanenti, il 20%, sono metà a Roma e metà nel resto del Lazio
  • Al momento i voti sono pari.
  • A Roma la Bonino ha il 3% di vantaggio.
  • Affinché i voti siano pari, occorre che fuori Roma la Polverini abbia il 9% di vantaggio.
  • I primi 80 voti sono andati 40 a sinistra e 40 a destra.
  • I rimanenti 20 voti sono 10 a Roma e 10 fuori.
  • La Bonino prenderà 5.15 voti a Roma.
  • La Bonino prenderà 4.55 voti fuori Roma
  • La Bonino prenderà 49.7 voti, e la Polverini 50.3

Questo ragionamento ha dati imprecisi, però mostra come le probabilità condizionate siano importanti, alla fine le elezioni servono a capire un po’ di statistica. C’è un’approssimazione nel ragionamento: siccome nelle sezioni non scrutinate Roma era sottorappresentata, era sovrarappresentata in quelle scrutinate. Ciò cambia un po’ i conti, anche se man mano che avanza lo scrutinio l’approssimazione tende a zero. Poi ho dimenticato il terzo candidato, non ho contato le schede non valide, non ho normalizzato per l’affluenza alle urne, e ho ipotizzato che i dati delle sezioni dentro e fuori Roma fossero rappresentativi per tutta Roma o per tutto il resto del Lazio, rispettivamente…

E anche quest’anno ho trovato qualcosa di divertente da fare alle elezioni…

PS Se si considera la sovarappresentazione di Roma, il risultato finale è 49.5, 50.5. I conti sono troppo noiosi.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...