Copio e incollo

Un mio amico ha scritto qualcosa che – fatto salvo per l'autocensura (sua) nel parlar male esplicitamente della democrazia – avrei potuto scrivere anch'io.

"La democrazia è quando uno sconosciuto di Voghera, votando, ha lo stesso identico diritto che ho io di influenzare la mia vita, e quando un poliitico di Oristano ha più potere su di me di quanto ne ho io solo perché milioni di sconosciuti lo hanno eletto.

C'è un conflitto ineliminabile tra libertà e democrazia: se sono libero di fare qualcosa, la maggioranza non ha il diritto di impedirmelo. Se la maggioranza ha il diritto di impedirmelo, io non sono libero. E non sto parlando di licenza in termini lockeani: anche solo la libertà di non dare il 50% del reddito allo Stato.

La democrazia è liberale quando l'individuo ha diritti su di sé che la maggioranza non può soffocare, cioè quando le persone sono libere di scegliere i propri fini e perseguirli impiegando i propri mezzi anziché derubare gli altri tramite il voto. Purtroppo nel mondo non esiste nessuna democrazia liberale: lo Stato tende inesorabilmente ad espandersi e a controllare la società, tutto il XX secolo lo ha dimostrato.

Io vorrei tanto dar via il mio diritto di voto, mi dà fastidio avere il diritto di costringere gli altri a obbedirmi, diritto che trovo radicalmente immorale…

La democrazia è solo un modo per imporre una decisione a tutti, anche a chi non è d'accordo: non può rendere nobile una cosa intrinsecamente ignobile. Quel poco di liberalismo che è rimasto è ciò che rende la democrazia più tollerabile (la democrazia è tollerabile perché ci sono cose che non può fare), ma l'estensione del potere politico si è rivelato un processo irreversibile e del liberalismo infatti poco è rimasto. Anche per colpa della retorica democratica che ha fatto rimuovere tutti gli ostacoli all'onnipotenza della classe politica che i liberali avevano concepito.

Le persone per bene non dovrebbero occuparsi di politica, essendo immorale imporre la propria volontà sugli altri, ma siccome la politica si occupa di loro, occorre cercare strategie per proteggersi da essa. Imporre ulteriori vincoli e limitazioni alla politica è l'unica strada."

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in liberalismo, teoria politica. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Copio e incollo

  1. genteproduttiva ha detto:

    Condivido e aggiungo che la "libertà" della democrazia è ulteriormente limitata dalla Costituzione all'interno della quale la nostra libertà può "espletarsi".
    Come un gregge, libero all'interno del recinto dove il pastore l'ha introdotto.

  2. Libertarian ha detto:

    Watching the sheep
    Gathering to die
    Followers in life
    Follow to the grave

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...