Liberal e libertarian

Con i casini in Libia rispunta qua e là per la rete qualche discussione di carattere militare.

La politica si divide in interna ed estera, e in entrambe i casi si può essere idealisti o realisti.

Gli idealisti credono di migliorare il mondo con la forza del pensiero, i realisti fanno un'analisi della situazione e non si lasciano traviare dal wishful thinking, noto bias cognitivo il cui contributo alla soluzione dei problemi umani è stato nullo sin dalla notte dei tempi, ma non per questo è stato spazzato via dall'evoluzione.

I liberal, cioè i socialisti, tendono ad esere idealisti in politica interna e politica estera: leggere le chiacchiere sulla democrazia, o sulla pace, dei liberal, è un'esperienza deprimente per chi vede nella realtà un dato di fatto che non si può nascondere con la retorica.

I libertarian, cioè i liberali così come noi li conosciamo, sono realisti in politica interna e idealisti in politica estera: c'è un abisso tra il realismo di Rothbard mentre parla di come funziona il governo USA, e la sua naivetè quando parla dell'URSS. A leggerlo pare quasi che fossero meglio i sovietici, ma in realtà è che indossava due occhiali diversi a seconda della convenienza ideologica.

Esisteranno forse persone che sono idealiste in politica interna ma realiste in politica estera, però non ne conosco neanche una, forse perché una tale posizione è totalmente folle: se si è cinici nel descrivere come funziona lo Stato all'interno, poi non si può diventare naive per descrivere i rapporti tra vari Stati.

Infine ci sono i doppiamente realisti: il mio approccio tende ad essere entrambe le cose, visto che preferisco i giudizi di fatto, quando ci sono, alle buone intenzioni, e credo che il wishful thinking sia una fallacia argomentativa e non un modo di migliorare il mondo.

Ovviamente, per l'idealista il realista è sempre un cinico, ma la colpa è della realtà, non di chi la osserva. Se vogliamo cambiare la realtà (e da quel punto di vista sono un idealista coi fiocchi), perlomeno bisogna cercare di capirla.

Questa voce è stata pubblicata in liberalismo, libertarismo, teoria politica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...